CITTÀ

DAL PENSIERO DI SANT’AGOSTINO:

… <<Dagli abissi del “male” poteva essere salvata solo una ristretta comunità di “eletti” selezionati per “grazia divina poiché la natura umana è soggetta alla corruzione e la stessa chiesa è fatta sia di santi sia di peccatori. Si affaccia in quest’ultima concezione l’idea che sarà al centro della sua opera forse più famosa: “La città di Dio”, cioè la comunità degli eletti che, “alla fine di tutti i tempi”, saranno chiamati dal Padre.>> …

(Estratto da: Corrado Augias, Remo Cacitti, “Inchiesta sul cristianesimo”. © 2008 Mondadori, I ed. I miti sett. 2009 pag. 305)

 

Ma dico IO … come potrebbe quel dio …

che la chiesa chiama “padre misericordioso”

non lasciare una speranza agli altri suoi figli che,

pur sapendo d’aver sbagliato,

sentono, interiormente, di potersi redimere

facendo emergere la Vera Essenza?

 

Stiamo qui accennando chiaramente all’Amore

che, come una pura sorgente,

improvvisamente sgorga dal profondo del cuore …

( … anima, coscienza … )

 

Cosa che accadrebbe, naturalmente,

se si scegliesse di manifestare apertamente

quel magnifico sentimento, capace, in un sol momento,

di mettere da parte il risentimento, l’odio ed il rancore …

 

Ne ho parlato a lungo, riempiendo le mie ore,

quindi, sicura-mente, ciò non crea più stupore …

eppure non posso non tornare in argomento

quando è così evidente lo sgomento …

di chi, dopo essersi risvegliato,

confuso da ciò in cui aveva a lungo creduto,

è stato capace d’immaginare due distinte città …

una popolata dagli angeli e l’altra da strana gente …

che ancora, probabilmente,

non è riuscita ad andare oltre l’egoità

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...