MASTER

 

… <<Ti chiamano Re e sarebbero lieti di appartenere alla tua corte. Messia Ti chiamano, ed anche loro vorrebbero essere unti con l’olio benedetto. Si, vorrebbero vivere della Tua Vita.

L’uomo desidera sognare il Tuo sogno ma non intende destarsi alla Tua aurora, e la tua aurora è il suo sogno più grande. Vuole vedere con i Tuoi occhi, l’uomo, ma non ha voglia di trascinare i piedi fino al Tuo trono. Eppure moltiin Tuo nomehanno ottenuto un trono … e una mitra grazie alla tua forza, ed hanno mutato l’oro della Tua venuta in corone per le loro teste, e lucenti scettri per le loro mani. Maestro, Maestro di luce, i cui occhi guidano le dita annaspanti dei ciechi, sei ancora disprezzato e schernito: uomo troppo debole ed incerto per essere Dio, Dio troppo uomo per essere adorato. Per il loro “io prigioniero”, sono la messa e l’inno, il sacramento ed il santo rosarioma Tu, Tu sei il loro IO lontano, la loro intima brama e l’oggetto del loro ardore. Ma Maestro, Cuore di cielo, Cavaliere del nostro più bel sogno, Tu ancora percorri questo giorno; archi e frecce non fermano più i passi tuoi. Tu ti fai largo tra le nostre frecce: ci guardi e sorridi. E Tu che sei il più giovane di tutti noi, per noi sei Padre. Poeta, Cantore, Cuore grande, possa Iddio benedire il Tuo nome e il grembo che ti ha portato, e il seno che ti ha dato il latte. E possa Iddio perdonare noi tutti.>>

 Fonte: Gibran, “Gesù figlio dell’uomo”. © Newton 1993 – 2011, 1^ ed. pag. 157-161, stralcio

 

Lo so, non mi crederai,

eppure sono assolutamente sincero!

IO, col pensiero …

ho già insegnato in un’accademia,

dopoche in un lungo percorso a ritroso,

mi sono assegnato, nell’arte della spiritualità,

autonoma-mente, rispettiva-mente,

 il master, la laurea e la maturità …

 

Ora tocca a TE,

conoscere la (tua) Verità …


MASTER

… <<They call you King. And they would be in your court. They pronounce you the Messiah, and they would themselves be anointed with the holy oil. Yea, they would live upon your life.

 Man would dream your dream but he would not wake to your dawn which is his greater dream. He would see with your vision, but he would not drag his heavy feet to your throne. Yet many have been enthroned in your name and mitred with your power, and have turned your golden visit into crowns for their head and scepters for their hand.

 Master, Master of light,

Whose eye dwells in the seeking fingers of the blind, you are still despised and mocked, a man too weak and infirm to be God, a god too much man to call forth adoration. Their mass and their hymn, their sacrament and their rosary, are for their imprisoned self. You are their yet distant self, their far-off cry, and their passion.

 But Master, Sky-heart, Knight of our fairer dream, you do still tread this day; nor bows nor spears shall stay your steps. You walk through all our arrows. You smile down upon us, and though you are the youngest of us all, you father us all.

 Poet, Singer, Great Heart,

May our God bless your name, and the womb that held you, and the breasts that gave you milk. And may God forgive us all.

Annunci

2 thoughts on “MASTER

  1. È possibile, per chiunque, conoscere la verità …
    potrebbe accadere in qualsiasi istante,
    ma prima occorre liberarsi della fragilità
    che costringe la mente
    ad essere succube dell‘apprezzamento
    d’ogni, falsa, giudicante, personalità …

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...