RIVELAZIONE

 

Care Anime, non so Voi ma IO

che del mio D-io ho già fatto l’esperienza

sono giunto alla conclusione che,

grazie all’evoluzione,

lenta-mente, ogni religione,

sta assolvendo, finalmente,

al meraviglioso compito

per cui fu antica-mente istituita …

 

… accompagnare le persone

(smarritesi nella fitta oscurità)

oltre l’illusione della propria identità,

ove è possibile ritrovare,

al di là dell’egoità,

la splendente luce della verità …

 

È questa, semplice-mente,

la rivelazione

che guiderà l’umanità,

singolarmente, oltre la dualità,

dove ad attenderla troverà, probabilmente,

la propria divinità!

 

Lo so, può apparire sconvolgente

per tutta quella gente

che ancora, ostinata-mente, non se la sente

d’abbandonare definitiva-mente l’immanente,

a favore d’una ricerca interiore

che consente, in un solo istante, di tornare,

incredibil-mente, ciascuno nel proprio cuore …

ove da sempre risiede il vero Amore!

Annunci

One thought on “RIVELAZIONE

  1. “Una fede ragionevole nella Rivelazione è una cosa del tutto impossibile!”.

    … “Reimarus si era già fatto conoscere scrivendo un trattato significativamente intitolato Trattato sulle principali verità della religione naturale, pubblicato nel 1754: al cuore di quest’opera vi è una critica serrata del miracolo, concepito spinozianamente come atto assurdo perché contraddittorio con l’idea di un Dio creatore di un mondo perfetto. L’ardita conclusione a cui Reimarus giungeva nello scritto era la messa in discussione del concetto stesso di Rivelazione, rigettando in tal modo ogni possibile conciliazione fra la religione naturale e quella rivelata. La religione rivelata dev’essere buttata a mare come inutile orpello dogmatico. Ma Reimarus si spinse anche più in là, scrivendo successivamente un’opera potente come dinamite, già a partire dal titolo: Apologia in difesa degli adoratori razionali di Dio. Rendendosi però conto della radicalità dei temi affrontati, Reimarus non volle pubblicare l’opera, che verrà data alle stampe solo nel 1774, allorché Lessing – come abbiamo visto – la proporrà come imprescindibile punto di riferimento per un dibattito filosofico sulla religione. Nell’Apologia in difesa degli adoratori razionali di Dio, Reimarus fa propri gli assunti del deismo e li porta alle estreme conseguenze, spingendosi ben più in là dei deisti francesi e inglesi. Se i deisti avevano generalmente accusato le religioni positive di oscurità e di incomprensibilità, ora Reimarus supera decisamente le Colonne d’Ercole e arriva a sostenere che le religioni positive, dalla prima all’ultima, sono false e menzognere, perché poggianti su una fantomatica Rivelazione.” … (Fonte: http://www.filosofico.net/reimarus.htm)

    Per ulteriori approfondimenti:
    https://gilgameshdisumer.wordpress.com/2017/06/12/attraversamento/#comment-644
    😀

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...