QUALITÀ

L’uomo non è Dio,

al limite un suo piccolissimo frammento,

eppure, se riuscisse a fare, personalmente,

quella meravigliosa esperienza,

chiamata ora, semplice-mente,

Unitaria Coscienza“,

allora, probabilmente, in un solo istante,

in lui si risveglierebbero latenti qualità,

e qualche sconosciuto talento,

che gli potrebbero anche consentire

d’inoltrarsi nello spazio …  infinito

del firmamento …

ove le molteplici verità …

possono coesistere, serena-mente,

senza provocar sgomento …

Da quel magico momento …

chiunque, logica-mente,

avendo trasceso il proprio “io”,

sarebbe “come D-io” …

a sua immagine e somiglianza  …

limitata-mente, ovvia-mente,

con assoluto stupore,

al fatto che, attraverso il proprio Sé,

costui riuscirebbe ad esprimere, libera-mente,

quell’incondizionato amore …

proprio del Creatore …

ACQUARIO

Consultando il calendario astrologico del 2019

ho scoperto che il 20 gennaio

il Sole lascia il Capricorno 

(segno mitico, leggendario,

che ha dato i natali a tanti dèi)

per entrare, alle ore 9, nell’energico Acquario,

dal carattere socievole, gioioso, scherzoso …

generoso, altruista ed anticonformista,

somigliante, strana-mente,

all’autore di questo diario,

altrove, anche, autodefinitosi un “apripista”

Egli è amichevole …

con chi è disposto ad ascoltarlo …

impaziente ed irascibile con chi, invece,

non condivide la sua ottimistica visione

d’un mondo migliore,

di cui ritiene sempre imminente la realizzazione …

Saturno ed Urano

gli garantiscono saggezza e propensione all’innovazione,

anche se, può capitare … Amica mia …

che la sua genialità possa sfiorare la pazzia …

In ogni caso, la sua originalità 

sta nella facilità ….

con cui riesce a scappare via …

da qualunque relazione lo volesse imprigionare …

cosa, questa, assolutamente naturale …

se si considera che il suo elemento è l’aria …

libera, impalpabile, sfuggevole …

Un fattore predominante

che dovrà ben ponderare …

chi, comunque, ostinatamente,

lo volesse, incondizionatamente, amare … 

PROCESSIONE

Un sogno

decisamente particolare, quello di questa notte:

persone anziane in processione,

su, per una ripida salita,

seguite, in tutta fretta, da alti prelati,

riconoscibili dal colore delle loro vesti

che d’un tempo lontano richiamavano i fasti …

Dove erano diretti?

Non saprei dirvelo con assoluta certezza,

però posso azzardare una supposizione,

forse cercavano di raggiungere la loro salvezza …

che, ormai si sa, è posta lassù … sulla vetta …

(della consapevolezza …)

ove chiunque torna … ad esser divino …

come, alla nascita, ogni bambino …

e dove, finalmente …

ciascuno, beata-mente …

può iniziare ad irradiare, consapevolmente,

la Sua Luce splendente …

DOPPIA COSCIENZA

Sono scioccato!

E, nello stesso tempo, estasiato …

era così semplice, eppure, chissà perché,

non ci avevo pensato (?)

Per fortuna …    alla fine … 

ci sono arrivato!

Ora sono sicuro che, in ME,

esiste una doppia coscienza

La prima innata, pura, genuina,

che, dalla nascita,

m’ha accompagnato fino alla tenera infanzia,

caratterizzata dall’ingenuità e dall’innocenza …

La seconda più complessa, articolata,

poiché strettamente legata alle maschere che ho indossato

ed alla complicata conoscenza impartitami da una società …

che mi sta conducendo, probabilmente, 

verso il totale smarrimento … della “mia identità” …

Di chi è la colpa? Di tanta gente:

genitori, insegnanti, amici, coniugi, figli,

religioni, scienza …

ma, soprattutto, della mia mente,

che ha scelto, fin’ora, inconsapevolmente,

d’accettare “verità”  costruite su una morale …

che troppo s’è allontanata dalla realtà …

“Ed allora?” Chiedo a me stesso …

Cosa posso fare per poter vivere,

beata-mente, nell’adesso?”

Praticamente? Tutto e niente!

Puoi scegliere d’esprimere, naturalmente,

un tuo innato talento …

oppure aspettare, inutilmente,

che, miracolosa-mente …

accada quell’incredibile cambiamento 

che la “tua” Vita renderebbe più godibile …

in ogni momento …

ORIGINALE!

“Scusa, mi sai dire, per favore,

dopo “l’Epifania del Signore”,

quale altra festa è prevista

per passare in allegria le prossime ore?”

A questa semplice domanda, probabilmente,

potrà rispondere ogni bambino,

non credo ci sia bisogno d’un qualificato insegnante …

Dopo la festa degli innamorati …

(il giorno di San Valentino)

e quella dei separati/divorziati

che “hanno scelto” un altro cammino …

arriva il mitico “Carnevale”

quando, ognuno, finalmente,

potrà indossare, libera-mente,

la maschera più originale

“Io” … ovvia-mente, 

adoro, particolarmente, la mia …

la ritengo “Essere” unica, eccezionale,

e trovo assolutamente divertente

osservare la gente che la propria, in piazza,

indossa inconsapevolmente …

Quella non sa, evidentemente,

che ciascuna è diversa, fenomenale,

pur essendo, in profondità, nell’interiorità,

(oltre l’illusoria realtà …

che in ogni istante può cambiare completamente)

ad ogni altra, perfetta-mente, uguale … 

DALL’ORIENTE

Allegria!

Ho scoperto, grazie alla mia proverbiale curiosità,

che tantissima gente, di scomparse civiltà,

già in antichità, festeggiava l’Epifania,

pur identificandola, semplice-mente,

col nome di “Natale d’Oriente!”

Successiva-mente, forse impropria-mente (?),

qualcuno l’ha associata

ad una vecchia e brutta “Befana”!

Ma nessuno, precisa-mente, sa …

se sia mitologia oppure verità …

per questo, adesso, probabilmente, siamo qua …

Chissà, magari è vero

ed allora, ora, sveleremmo pure questo mistero …

mentre facciamo esperienza della dualità,

oppure poi, quando, incredibilmente,

individualmente, tra i due opposti della polarità,

troveremo quell’equilibrio che sta,

dicono … esattamente a metà …

“E dopo?”

Niente … continueremo, inconsapevolmente,

ad arrancare nell’immanente …

fino a quando, finalmente,

ognuno riuscirà a trovare la propria strada

per raggiungere il trascendente …

ENERGIA

Quando è vibrante,

Vitale, incontenibile, straripante …

“Lei” costringe la gente

(inconsapevolmente)

ad indirizzarla nella passione …

colei che tutti accompagna

nel lungo cammino verso l’evoluzione

e che, ovvia-mente,

in ciascuno assume una forma differente …

C’è chi la sfoga nel sesso …

(indispensabile per la riproduzione,

manifestandola attraverso il possesso,

spesso scambiato per genuina gelosia)

chi inseguendo il potere od il successo,

e chi, più semplicemente,

la incanala, serena-mente,

in qualche talento, a volte stupefacente,

trovando così la propria soddisfazione …

(è questo il caso d’ogni professione 

svolta con dedizione e compassione,

attraverso cui, disinteressata-mente,

si possono aiutare altre persone …

“E tu?”

IO? … Niente … pratica-mente …

utilizzo la mia energia …

creando qualche “innocente” riflessione  …

CAPODANNO

Evviva!

Il 2019 è ufficialmente iniziato!

Non so per TE il 2018 che anno sia stato …

per ME, rappresenta, semplice-mente, il passato …

che però, molto, inconsapevolmente,

sicura-mente, m’ha insegnato!

È, questa, la prima riflessione 

cui farà seguito un lungo periodo di transizione,

che utilizzerò per prepararmi a lasciar andare …

definitiva-mente, pure … la professione …

per dedicarmi a pensare … a come passare 

il tempo libero che mi garantirà la “sofferta” …

“meritata”, “decurtata” … pensione!

Per fortuna … non sarò solo …

poiché con ME c’è sempre il mio Sé …

(l’Anima … direbbe “Lei” …)

che, grazie alla sua fervida, inesauribile,immaginazione

mi terrà compagnia … mentre in allegria … 

mi preparo ad accogliere ciò che verrà 

in assoluta, totale, sottomissione …

(“Così sia” …)

Ma ora qualcosa di semplice,

nel “rispetto” … della tradizione …

di facile comprensione, per tante persone …

Tutti lo sanno … oggi è capodanno!

Dal cuore di tanta gente, come fosse una sorgente,

sgorga, spontanea-mente …

la speranza d’un mondo migliore,

ove chiunque possa vivere, beata-mente,

senza più odio né dolore …

magari, anche, perché no (?)

sperimentando un nuovo, appagante,

coinvolgente, entusiasmante, appassionante … Amore!

AUGURI!