DUE SÉ?

Quel che si chiede, probabilmente,
la più curiosa gente …
è perché (?) quando parlo di “ME”,
spesso uso le maiuscole, inappropriatamente !

Ora lo spiego, (ci provo) semplicemente.

Il tutto ha a che fare,
(per quel che ritengo d’aver capito …)

(oltre che con l’ego che tutti sviluppano inconsapevolmente e da cui derivano il senso di separazione e la meravigliosa, miracolosa, unicità)

con i “due sé” della mente
(psiche, pneuma, coscienza):

il primo è il “piccolo io”
(l’ego incosciente);

il secondo è il “grande IO” (consapevole, infinito …)
(costantemente connesso con “La Sorgente”).

Lo so, non è facile per niente,
afferrare, precisamente, questo pensiero,
specialmente per chi, ancora,
non sa distinguere, nitidamente,
il falso dal vero … (i due opposti della dualità,
oltre i quali si raggiungerebbe quella maturità,
a seguito della quale ognuno “inizierebbe”, finalmente, ad assumersi le proprie responsabilità!).

BUONA PASQUA D’EVOLUZIONE!

 

Hai mai pensato che ogni tua convinzione
riguardo alla religione …
potrebbe essere frutto d’un’illusione?

“L’antica tradizione esoterica ebraica, nota oggi col nome di Cabalà, insegnava che al significato spirituale della ‘resurrezione’ era legato il senso stesso di ‘evoluzione‘, il cui obiettivo è risorgere: ossia spostarsi ad un altro livello di consapevolezza e di esistenza.

La successiva teologia di Paolo di Tarso, si fonda sulla resurrezione del corpo, tuttavia la Tradizione primordiale, così come i Vangeli gnostici, parlano piuttosto di un “risveglio della mente“, come insegnano i Buddhisti. L’Illuminazione è la Risurrezione del SuperConscio, perché esso torna ad essere preminente rispetto alla mente egoica.”
(Fonte: http://www.ukizero.com/la-menzogna-di-pasqua/)

Parole che alimentano la speranza,
degli individui che, grazie ad una mistica esperienza,
hanno avuto un contattato con l’Unitaria Coscienza
che intanto, imperiosa, avanza,
frantumando, con apparente noncuranza,
dogmi ed assurdi insegnamenti della religione,
considerata, finalmente, obsoleta conoscenza,
inventata e diffusa da chi ha voluto rallentare
(per poterlo sfruttare a proprio favore?)
il naturale processo di trasformazione interiore …

(“trascendenza” … per la scienza della coscienza)

Buon “Agape”!

E “Buona Pasqua d’Evoluzione!”

SETTE STELLE

“Sette” sono le stelle di numerose costellazioni:
Toro (pure “vacca sacra”);
“Grande e Piccolo carro” o “Grande e Piccola Orsa”
(con la stella polare che segna il settentrione);
“Orione” (tre nella famosa “cintura”);
e Pleiadi, con un po’ d’immaginazione …

Sa l’odierna umanità che le antiche civiltà
alle stelle ed ai pianeti associavano i miti, la sacralità
e tantissime “divinità” …
che hanno dato vita all’attuale spiritualità …
intrisa con la psicologia del profondo …
studiata in tutto il mondo …

Pure ai numeri (a qualcuno provocherà stupore),
gli antichi attribuivano un “grandissimo valore” …

Ebbe a dire, prima di morire, “il vecchio censore”,
(Marco Portzio Catone, politico, generale e scrittore romano)
anche noto come “sapiente, antico e maggiore”:

“Domani forse scorderemo che Roma, in origine tripula (edificata su ‘tre’ colli) ha poi esteso la sua pianta sugli altri ‘quattro’, consacrandosi così a divenire, sulla Terra, ‘Costellazione delle sette stelle’ “.
https://www.bartolomeoporcheddu.it/2020/10/17/urbi-et-orbi/

L’INVIATO

Voi cosa fareste … se, improvvisamente,
foste contattati da un “inviato” celeste?

A ME è capitato di sentire (nel sogno) una voce,
calma, rassicurante,
che mi diceva che tutto andava bene …
e che era giunto il tempo d’aiutare la gente,
afflitta dalla paura, a scendere dalla propria croce …

Quella voce m’ha anticipato, addirittura,
che avrei ricevuto una notizia entusiasmante,
IO le ho creduto … ovvia-mente, cieca-mente,
e perciò attendo, ancora, “paziente” e trepidante …

Questa cosa, assai curiosa …
m’accade, per fortunata, sporadica-mente,
e segue (più volte l’ho raccontato),
un’esperienza decisa-mente strepitosa …

Ora sono conscio … perfetta-mente …
di ciò che essa m’ha provocato,
in quell’indescrivibile istante
in cui Sono tornato in contatto con “Lei”,
la mia parte mancante
(quella artistica, femminile, emozionale,
cui sovrintende, secondo la “nuova scienza“,
l’emisfero destro del cervello)

È stato bello ritrovarla, dopo che a lungo, a causa dell’ignoranza (prodotta con l’errata conoscenza) l’ho tenuta nascosta alla mia coscienza (per questo, probabilmente, c’è anche chi la chiama “inconscio“, tra la generale indifferenza).

Ciò m’ha provocato un’improvvisa, inaspettata, “rinascita interiore” che, nell’immediatezza, mi ha riportato all’originaria purezza … tipica dell’infante (senza ego), privo d’una logica consapevolezza 👼, il quale, per un po’ ha “creduto” in ogni storia che leggeva o che gli veniva raccontata, mentre si beava, innocente-mente, della circostante, meravigliosa, bellezza del creato …

Quel tenero ed ingenuo bambino, per fortuna, è cresciuto veloce-mente, e, anche grazie ai social ed al confronto virtuale, ha iniziato a rendersi conto che stava cercando un nuovo equilibrio tra i due opposti della propria mente (logica e sentimento), giungendo, gioendo, all’incognita di questo meraviglioso momento, l’eterno presente!

Da quell’indimenticabile “incontro”

è anche scaturito questo semplice talento

(la riflessione in rima)

che m’accompagnerà, probabilmente,

durante il restante cammino …

… di ritorno, al divino …