LASSÙ

Quando, finalmente,

anche per Te,

giungerà quel fatidico giorno …

salperai per un viaggio fantastico

da cui non vorrai più fare ritorno …

 

Poiché, sicura-mente,

vorrai fermarti là, in quel luogo splendente,

ove incontrerai chi, come ME,

ha fatto, personalmente,

l’esperienza del trascendente …

 

Ovvia-mente,

chiunque lo desiderasse, ardentemente,

lassù … potrà raggiungerci facilmente,

l’importante è sapere che, per salire,

sulla “mito-logica imbarcazione” … 

ci si dovrà denudare, completa-mente,

e lasciare ogni bagaglio …

liberandosi di tutto, ma proprio tutto …

… iniziando dall’orgoglio!

 

La destinazione?

Non credo … sia importante …

poiché, sicura-mente,

la sorpresa è molto più emozionante!

 

Quindi che fai? Vieni anche Tu?

Oppure aspetti ancora, quaggiù,

continuando a sperare

di poter godere, piena-mente,

di questo magico istante,

comunemente chiamato presente?

 

Pensaci dai, non costa niente!

STORIELLE

Affascinante, almeno in apparenza …

singolare, sicuramente,

tanto da stimolare, sensibilmente,

l’innata curiosità dell’addormentata coscienza …

la notizia secondo cui, incredibilmente,

esisterebbe qualcuno che dice …

che la mitica storia d’amore tra Orfeo ed Euridice

(maschile e femminile che cercano, infaticabilmente,

purtroppo con scarsa fortuna, la mistica unione …

che, originaria-mente, riguardava quella “sacra” …

tra Sole e Luna)

sarebbe nata per lo stupore,

derivante dall’osservazione delle stelle …

e che quelle abbiano pure ispirato

tantissime altre storielle …

 

Da quelle … intelligente-mente …

dotte persone, avrebbero, addirittura,

ricavato più d’una religione …

servendosi della superstizione,

del peccato, della confessione e della paura,

per rendere più efficace la loro predicazione …

 

Così, probabilmente,

è stata ostacolata, temporanea-mente,

inconsapevolmente (?)

la crescita di tanta gente che, coraggiosa-mente,

avrebbe voluto, personalmente, beata-mente,

sperimentare l’avventura della miracolosa esistenza

che a chiunque consente,

mentre della realtà fa personalmente esperienza,

di raggiungere, in un solo istante,

la meravigliosa, favolosa, Unitaria, Essenza …

 —

TRIONFO DI LUCE

Questo Inno è per Te, grandissimo RE,

che, con la tua luce splendente,

illumini costantemente la nostra realtà …

 

TU lo sai che t’è grata ogni individualità,

per il calore di cui Le fai dono,

senza soluzione di continuità …

 

Anche la notte, quando Lei …

(la regina dell’oscurità),

testimonia la tua radiosa presenza

riflettendo la Tua Luce, con assoluta serenità

mentre, impavido, esplori … l’al di là …

(il luogo ignoto ove ti rechi alla fine …

… di ogni giorno …

abbandonando, temporaneamente, l’umanità …)

per poi fare ritorno … con una nuova aurora

(una miracolosa resurrezione …)

che sempre sorprende, fin d’allora, chi, come ME,

ha abbandonato ogni fantasiosa illusione,

su qualsiasi, ipotetica, verità …

 

Intanto …

mentre siamo riuniti, nel giorno del Tuo trionfo,

un pensiero va, liberamente, al declino

che alla massima luminosità, inevitabilmente, conseguirà …

 

Poiché è il tuo destino,

scritto, probabilmente, nel DNA,

di dover sottostare alla ciclicità

che ti consente, per un solo istante,

(in due occasioni)

di trovare l’equilibrio tra le due realtà

(luce ed oscurità …)

 —

CON LEI

Ce n’è voluta di pazienza …

ma essendomi risvegliato 

“Sono” … riuscito a capire

qual è il fine dell’esistenza …

Esso, semplice-mente,

consiste nel ri-trovare, ciascuno, la propria Essenza …

e poi, con Lei tornare… all’Unitaria Coscienza …

Prima, però, dobbiamo … togliere le maschere …

che inconsapevolmente (?) indossiamo …

in particolare una … 

quella in cui maggior-mente crediamo …

In essa, a tal punto ci identifichiamo …

da dimenticare, addirittura, chi siamo …

Per fortuna esistono la poesia e la canzone …

che, a volte, meglio della religione,

ci forniscono la soluzione …

Siamo figli delle stelle” …

perciò continuiamo, su quelle,

a raccontare tante storie belle  …

che ci accompagnano, illuminando l’oscurità,

nel lungo cammino verso la Verità …

ASTRI

Caro Amico,

essendo IO curioso, ed anche “un tantino spiritoso”,

appassionato … alla poesiaed alla mitologia,

ho trovato, leggendo, una domanda da TE formulata

che continua a frullarmi nella testa:

Perché c’è sempre un serpente

a mordere il calcagno nudo di una donna in festa?

 

La risposta l’hanno già data, prima di ME, osservando gli astri,

tantissimi scrittori, tra essi cito due celebri poeti:

Dante, con la “Commedia”; e Leopardi con “l’Infinito” …

 

Nessuna tragedia … per quel che ho capito,

poiché anche quello cui Tu accenni breve-mente,

è un fatto comune a tanti racconti noti all’umanità,

la quale, dopo un lungo peregrinare/navigare,

sta, ora, per approdare, individualmente, alla verità …

 

È qualcosa di evidente, addirittura “lampante”,

che, più facilmente, si può vedere con l’oscurità

ma per comprendere, perfetta-mente,

ci vuole una mente elastica, aperta alle “novità”,

liberatasi, finalmente, dalla prigionia dell’illusoria realtà …

 

Le stelle … dipendente-mente dall’osservazione,

hanno dato origine a più d’una costellazione …

Quelle … Ti domando: narrano di fatti accaduti realmente,

oppure sono frutto dell’umana immaginazione?

Chi cerca trova” (afferma un noto proverbio), chi prova …

a dare una “semplice” spiegazione

 

Così fu che uno strano animale (serpente e/o scorpione),

strisciò fuori dal terreno e punse l’immortale Orione

ma anche “Lei”, quella luminosissima costellazione” …

 

E che dire dell’altro essere strisciante

che per le ipotetiche capacità di “volare” …

è stato chiamato, da gente di antiche civiltà, “Serpente piumato”?

T’ABBANDONO?

Il nuovo che avanza è una mistica danza …

di due focosi amanti

che si fondono, appassionata-mente,

fino a perdersi … completa-mente …

in meravigliosi, estasianti, sublimi, istanti …

Così, quelli, ritrovano la speranza 

in un mondo migliore 

ove tornerà … a regnare … il piacere …

d’avere qualcuno accanto 

con cui condividere, beata-mente,

gioiosa-mente, l’incanto …

Quello che nasce … con assoluto stupore

quando decidiamo d’abbandonare,

parzialmente, la ragione …

per lasciare spazio alla voce del cuore …

fino al raggiungimento di quell’equilibrio che

(lo sa chi conosce la verità …

posta a di là … di qualsiasi religione)

è situato al centro delle opposte metà …

LEGGEREZZA

 

(Video: “A chi mi dice” – Il Volo)

 

Sapete qual è la verità?

IO vivo, beata-mente,

la mia maturità …

essendo riuscito a trovare,

(tra gli opposti della dualità

che caratterizzano l’attuale realtà)

quell’equilibrio che offre stabilità …

 

La consapevolezza,

di dover lasciare questo mondo,

in ME, ha reso più profondo

il senso, innato, della bellezza …

 

Evidentemente,

chi della fine vede l’immediatezza

(come chi è costretto a sperimentare la sofferenza,

tende a godere pienamente dell’esistenza)

è portato a vivere tutte le cose

con spensierata gaiezza

 

Probabilmente, la fragilità,

derivante dall’inevitabile mortalità,

aiuta a scorgere l’essenziale,

senza doversi troppo soffermare

su ciò che è, invece, superficiale …

 

Detto con le sapienti parole di un noto scrittore:

 “Solo chi ha consuetudine con l’infinito

conosce la parola finitezza,

diventando così capace d’abitare la vita

con assoluta leggerezza

 

GIOIOSA-MENTE

 

(Sottofondo musicale: “Inno alla gioia” – L.v. Beethoven)

 

Questo è il tempo in cui l’umanità,

pur esplorando profonda-mente il firmamento,

in assenza di precisi punti di riferimento,

sta perdendo l’orientamento,

riguardo alla verità,

anch’essa in continuo mutamento …

 

Ciò, inevitabilmente,

in alcune Anime provoca paura,

profondo smarrimento …

mentre in altre, aperte al nuovo,

affascinate dall’ignoto,

desiderose di sperimentare l’avventura,

ciò produce un rapimento

capace di condurre fino all’incanto

 

Tra i due opposti,

esatta-mente al centro,

c’è chi, come Me e Te, semplice-mente,

esprime, gioiosa-mente, il proprio talento,

sotto forma di poesia, musica, canto …

 

In questo modo, probabilmente,

abbandonata la presunzione di sapienza,

chiunque potrà tornare … libera-mente …

a godere, beata-mente, dell’esistenza,

arricchendo la propria

e l’Unitaria Coscienza …

INCANTO

Mi capita, ogni tanto,

d’alzare la testa e guardarmi intorno …

cosa che è accaduta anche quel giorno …

in cui, irreversibilmente,

sono stato rapito dall’incanto …

 

È stato allora che ho visto, sorprendondomi,

quella splendente bellezza

che rispecchiava, ora lo so, la mia consapevolezza …

Altra cosa, che d’allora ho iniziato ad osservare,

sono gli sguardi, alcuni completamente assenti,

d’individui che, evidentemente,

nei soliti pensieri, sono inconsapevolmente persi …

 

È stato proprio in quell’istante,

incredibile, fenomenale, stupefacente …

che mi sono pure reso conto

che sì, effettiva-mente, apparente-mente, siamo diversi …

loro che vagano continuamente alla ricerca di se stessi,

ed IO

che trovo soddisfazione nell’esprimermi in versi …

 

Componimenti che rileggerò, domani …

assaporandoli, maggiormente,

grazie alla matura età …

testimoni di sentimenti passati

della superata realtà …

 

Ora non so … se, allora, li giudicherò,

ma se lo farò, sarà, sicura-mente,

con assoluta compassione

poiché loro sono il frutto delle mie emozioni,

figli … che mi terranno compagnia

quando, da solo, inevitabilmente ripenserò

al significato delle mie “semplici” riflessioni …

STUPEFACENTE

Ci vuole un’infinita pazienza, sicura-mente,

con la tantissima gente che ancora, evidentemente,

non ha raggiunto, personalmente,

quel famoso equilibrio tra cuore e mente …

da cui è possibile osservare, serena-mente,

ciò che accade, inevitabilmente, nel qui e ora …

Tra quella … c’è persino chi aspetta, vana-mente,

il sempre imminente, stupefacente, cambio d’era …

pensando, probabilmente, che allora (?)

(sempre nel presente) più facilmente,

potrà effettuare, miracolosa-mente,

quel meraviglioso salto di coscienza …

capace di rendere, istantanea-mente,

più godibile l’esistenza …

Esperienza …

cui, strana-mente,

sono stati dati, dalla comune conoscenza,

tantissimi nomi, tra i quali, recente-mente,

anche, “Eterna Primavera” …

Forse per via di quella Luce …

che non riesce a vincere sull’oscurità …

essendo, le due opposte parti, sempre in parità …