DOPPIO

Sì, s’era risvegliato …

ne era persuaso e, nel contempo, meravigliato …

poiché riceveva, finalmente,

ciò che, evidentemente, aveva meritato …

“Per l’anima che viene dal cielo la nascita è una morte”,

ebbe a dire un tale di nome Empedocle.

“Per sublime che sia, incarnandosi, essa perde, 

temporaneamente, il ricordo del suo passato,

poiché l’evoluzione della coscienza

deve obbedire alle leggi del mondo

in cui sceglie di fare esperienza” …

Sì, s’era risvegliato …

e la sua mèta aveva ricordato,

perciò, ora, non poteva più dubitare

di quell’altra consapevolezza,

estrema-mente interessante,

che aveva sentito nascere in Sé, 

quel doppio misterioso …

noto ad ogni curioso,

quell’IO celeste dalla splendente bellezza …

Cosa avrebbe potuto fare per rivivere, nuova-mente,

quel meraviglioso, magico, istante?

Tutto … e … niente!

Sì, s’era risvegliato,

dalla morte (dell’ego) era ri-nato

e adesso … diceva a se stesso:

TU .. appartieni, ora, alla schiera dei risorti viventi … rammenta che ‘due‘ sono le chiavi  che aprono la porta della conoscenza, posta al di là dei tanti insegnamenti.

La prima: ‘L’esterno delle cose è uguale al loro interno, il piccolo è opposto al grande, non v’è che una sola legge, promulgata dall’energia che in essa opera mentre pascola il suo gregge.’

La seconda: ‘Gli uomini sono dèi mortali e gli dèi sono uomini immortali. Felice è chi comprende queste semplici parole, note ad ogni Essenza’.”

Sì, s’era risvegliato …

per questo fu osannato ed esecrato …

per il resto della sua Esistenza …

Annunci

ESECRATO?

Da pochi osannato,

da molti esecrato …

questa è la vita dell’uomo che s’è risvegliato (?!)

poiché le sue semplici parole,

mirate a ridestar l’assopita mente

di tantissima, inconsapevole, gente,

vengono, evidentemente,

interpretate in modo differente …

Perciò esse sono fiamma di gioia …

per chi è affascinato dal cambiamento,

e motivo di gelida noia …

per chi, invece, non provando passione

per la bellezza del firmamento …

non crede alla possibilità 

che possa essere “questo” l’unico momento …

di gloriae di verità!

DIVINA ALTERNANZA

Abbiate pazienza,

Sono un po’ confuso, lo debbo ammettere,

dopo aver sentito parlare della “Divina alternanza” (?!)

Sembra che ci sia vera-mente 

chi s’interroga, con insistenza,

sul genere di appartenenza 

della nostra, meravigliosa, Essenza …

(Sé o Anima?)

Sé = maschile (il Padre, la logica, la ragione …)

Anima = femminile (la Madre, l’intuizione, l’emozione …)

IO, lo sapete, penso … semplice-mente che,

Chi ha creato l’umanità 

sia al di là d’ogni separazione

ed ogni distinzione che usa fare,

fin dai suoi albori, la civiltà …

Però mi è più facile immaginare …

la divinità, al “femminile” …

in quanto “Unitaria Coscienza”

da cui sono derivati i tanti Sé 

che guidano, singolarmente, interiormente,

tutta la gente, mentre, inconsapevolmente,

“quella” fa esperienza dell’Esistenza …

fino al ritorno … tra le “braccia” …

della Divina Intelligenza …

 

LASSÙ

Mi è giunta voce,

ma non so se corrisponda a verità,

che esisterebbe una grande croce

posizionata lassù 

nel cielo più blu …

 

Quella, sconosciuta dall’attuale umanità,

a causa della sua invisibilità,

pare fosse già nota alla gente d’antiche civiltà

(la quale ignorava che sarebbe poi nato Gesù)

che ad essa si sarebbe ispirata

per descrivere un’incredibile realtà …

 

Vuoi saperne di più?

Se ti va … puoi leggere qua:

https://gilgameshdisumer.wordpress.com/2018/03/19/tanti-gesu/

UOMINI

Stanno crescendo,

i piccoli uomini, in tutto il mondo!

No, non mi sto, qui, riferendo,

agli ingenui ed innocenti bambini,

poiché quelli già alla nascita … Sono …

potenzialmente, divini …

Parlo di quelli appartenenti ad una strana razza …

che poco a poco stanno lasciando cadere

la loro pesante e brillante corazza …

ed insieme ad essa tutti gli altri indumenti …

fino a rimanere completamente nudi,

totalmente trasparenti … agli occhi della gente

che in loro si specchia, inconsapevolmente …

Ora Sono più pazienti,

poiché hanno abbandonato la competizione,

a favore d’UNA più proficua collaborazione …

li osservi. mentre, gioiosa-mente,

serena-mente,

esprimono, orgogliosi, i loro innati talenti …

Ma gli altri? Quelli che, poveretti,

non hanno ancora compreso cos’è la compassione?

Esistono ancora …

ma, per fortuna, finalmente,

sono in via d’estinzione …

 

DILUVIO UNIVERSALE

Dopo aver attenta-mente riflettuto

sul “Giudizio Universale

qualcuno, più evoluto, potrà ora ipotizzare …

cosa, “ll Diluvio“,

possa effettiva-mente rappresentare,

cercando, se possibile,

di dargli una spiegazione razionale …

(Provate a cercare su internet usando, tutte insieme,

le seguenti parole: “Sibaldi Noè Diluvio”,

troverete più d’un’ipotesi “fenomenale”)

IO …

un essere alta-mente spirituale …

  Sono… ovvia-mente, avvantaggiato,

avendolo già sperimentato …

perciò posso serena-mente affermare,

senza paura di sbagliare,

che quello accade vera-mente,

quando, finalmente,  la goccia

torna all’Oceano

e quest’ultimo fa traboccare …

POLARITÀ

L’umanità,

inconsapevolmente,

si sta recando, individualmente,

verso l’inversione … della polarità …

A tanta gente, questa informazione,

non interessa minimamente,

ad altra, probabilmente, susciterà ilarità,

ma molte persone …

(risvegliatesi dal lungo sonno dell’illusoria realtà)

sono ad essa interessate perché,

avendola sperimentata personalmente,

stanno ora per raggiungere quell’equilibrio che

consentirà loro di discernere, autonoma-mente,

tra menzogna e verità …

 

NECESSITÀ

Quella di affermare, sugli altri, la propria ragione …

è una necessità dell’ego

che non ha ancora raggiunto tal comprensione …

Ma prima o poi accadrà,

al nostro piccolo sé 

di doversi arrendere, piegare,

sottomettere all’evidenza …

ed è solo allora che,

sempre nel presente … avanza,

s’eleva, evolve, anche, la nostra coscienza,

oltre i limiti, apparente-mente invalicabili,

innalzati, inconsapevolmente, dalla mente …

Certo, ci vuole pazienza,

ma chiunque, potenzialmente,

può arrivare a conoscere la divinità …

dopo ovvia-mente,

che ne avrà fatto, personalmente, l’esperienza …

 

PSEUDOLOGIA

Sapete qual è la più diffusa patologia?
Il suo nome è “Pseudologia“!

Cioè, praticamente, l’arte, e/o la scienza
attraverso cui un soggetto,
affetto, inconsapevolmente, da mitomania …

… cerca, disperata-mente,

di suscitare ammirazione,
(o, anche, compassione)
pur d’Essere al “centro” dell’attenzione …

 

Un’istrionica personalità

che si manifesta, solitamente,
attraverso la formulazione di racconti irrealistici,
asseriti con apparente veridicità

 

È dunque in questa casistica che, probabilmente,

trova collocazione ogni abreazione
ma, anche, logica-mente,
l’irresistibile desiderio
di dare una nuova interpretazione
ad ogni, superata, religione

 

Si tratterebbe dunque, inequivocabil-mente,
dell’ennesima illusione della mente
che proprio non ce la fa ad Essere
ed allora cerca d’apparire,

fenomenica-mente …

La cosa divertente è che tanta gente,
ingenua-mente,

mostra interesse per tale fantasia,
sperando, evidentemente,
di poter raggiungere il trascendente
senza dover “perder tempo”

COME UN PENDOLO

“Perché leggo?”

Te lo sei mai chiesto?

 

IO sì, ed ho pure risposto:

“C’è stato un tempo …

in cui leggevo con avidità,

alla estenuante, interminabile, 

ricerca d’UNA presunta verità …

 

Poi, dopo averla trovata …

(senza averla cercata)

ho continuato (nella lettura)

stavolta con maggiore serenità,

più che altro per curiosità …

 

Mi piace osservare, attenta-mente,

come si evolve il pensiero della mente,

 in relazione al trascendente …

 

Sono, infatti, perfettamente cosciente …

del fatto che ogni individuo di questa umanità 

(che non ha ancora fatto,

personalmente, l’esperienza d’unità …)

vaga, illusoria-mente,

alla ricerca della via …

per uscire dalla prigione della propria realtà …

 

…mentre, come un pendolo,

oscilla, inconsapevolmente,

tra i due opposti della dualità …

 

Pur avendo egli compreso, 

intellettual-mente,

che li deve abbandonare entrambi 

per ri-trovare la centralità …

 

… cioè quell’equilibrio,

meglio conosciuto,

col nome di divinità …”